Le immatricolazioni auto calano a febbraio 2019: in arrivo nuove rottamazioni?

Le immatricolazioni auto calano a febbraio 2019: in arrivo nuove rottamazioni?

Brutto inizio anno per il mercato automobilistico: le immatricolazioni auto a febbraio 2019 sono scese del -2,42% rispetto allo stesso mese del 2018, un calo che segue quello ancor più netto di gennaio quando la flessione aveva toccato un preoccupante -7,6%. Nei primi due mesi dell'anno, secondo i dati del MIT, le nuove immatricolazioni sono state in totale 343.010, il 4,87% in meno del 2018.

Chi legge superficialmente questi numeri potrebbe obiettare che a febbraio si è registrato comunque un recupero, visto che il calo delle vendite di automobili è risultato ben più contenuto. Ma gli esperti del settore hanno subito stoppato queste valutazioni all'insegna dell'ottimismo, spiegando che quasi certamente i dati di febbraio sono migliorati soltanto per l'imminente entrata in vigore (da marzo) dell'ecotassa 2019, che ha spinto numerosi automobilisti ad anticipare l'acquisto di alcuni modelli auto per non pagare il surplus previsto dal provvedimento. Altrimenti, dicono, la flessione sarebbe stata superiore a quella di gennaio.

E a proposito dell'ecotassa, la misura che dal 1° marzo 2019 penalizza l'acquisto di vetture che emettono più di 160 g/km di CO2, continuano a levarsi voci di dissenso sulla sua reale efficacia. L'Ansa ha raccolto per esempio il parere di Michele Crisci, presidente dell'Unrae, l'associazione delle case estere che operano in Italia, secondo cui l'ecotassa è 'inefficace e penalizzante, improduttiva per la riduzione dell'inquinamento', nonché della deputata leghista Vannia Gava, sottosegretaria per l'Ambiente, che l'ha definita una misura 'punitiva e ambientalmente non efficace'.

Non convince appieno neppure l'ecobonus, il provvedimento introdotto contestualmente all'ecotassa che premia con forti incentivi chi acquista auto non inquinanti che rispettano determinati parametri. Si calcola infatti che l'esiguo stanziamento di 60 milioni di euro per il 2019 (saranno poi 70 milioni sia per il 2020 che per il 2021) servirà al massimo per l'acquisto di 40 mila vetture ibride ed elettriche: poco più di nulla considerando che nel 2018 in Italia le nuove immatricolazioni auto sono state quasi 2 milioni...

'Ecotassa ed ecobonus risolveranno poco se parallelamente non si incentiva una politica di rottamazione e sostituzione delle vecchie auto, che sono quelle che inquinano di più', ha detto non a caso il viceministro dello Sviluppo Economico Dario Galli, anche lui della Lega, 'E posso garantire che stiamo già studiando qualcosa in tal senso'. Staremo a vedere.