Anno di costruzione della casa

L'assicurazione sulla casa è sempre obbligatoria quando l'immobile è in corso di pagamento tramite un mutuo e facoltativa, ma consigliata, quando la casa è di proprietà. L'anno di costruzione è un dato fondamentale ai fini della stipula della polizza assicurativa perché rientra nei parametri per il conteggio del premio di somma massima. Le case molto vecchie, infatti, funzionalizzate con impianti fatiscenti o poco moderni, sono considerate a più alto rischio per quanto riguarda la possibilità di incidente e danno. Per questo motivo le assicurazioni si tutelano e propongono premi più bassi, calcolati sul reale valore della ricostruzione e non su quello commerciale dell'immobile, che potrebbe ad esempio risultare più alto a causa di metrature importanti o per ubicazione in zone residenziali particolarmente prestigiose. Le abitazioni recenti, invece, nuove e costruite secondo le norme edilizie più innovative, offrono la possibilità di ottenere una somma assicurativa massima più alta. In caso di incidente come un incendio, un allagamento, un atto vandalico o danni da agenti atmosferici, l'assicurato potrà beneficiare di un risarcimento più remunerativo, valido per aggiustare i danni o per ricostruire l'appartamento.

L'anno di costruzione della casa è un dato fondamentale per stabilire la somma massima assicurativa. Va calcolato dal momento della fine dei lavori. Non bisogna mai fare l'errore di dichiarare l'anno di costruzione tenendo conto dell'inizio dell'opera edilizia perché ai fini assicurativi, stando alle rigide tabelle, anche solo uno o due anni possono fare la differenza. Il documento di messa in posa, che riporta la data di inizio lavori e fine lavori, va presentato al proprio assicuratore al momento della firma del contratto. Ai fini legali il proprietario di casa è responsabile delle sue dichiarazioni e si assume la responsabilità civile e penale per quanto riguarda la dichiarazione dell'anno di costruzione di un immobile. Se si decide di assicurare una casa di proprietà, sulla quale non era mai stata stipulata una polizza assicurativa, è comunque necessario presentare i documenti relativi alla costruzione, da cui estrapolare l'anno in cui è stata dichiarata finita e pronta per ottenere l'agibilità.